BigMat acquisisce carrelli elevatori a forche elettrici Hyundai Material Handling 

Carrello elevatore a forche elettrico alla BigMat

BigMat, celebre marchio internazionale di rivenditori indipendenti di materiali da costruzione, offre un'ampia gamma di materiali ai professionisti dell'edilizia e agli appassionati del fai da te di alta qualità. In Francia, ci sono diverse centinaia di punti vendita in tutto il Paese. Una parte della regione Midi-Pyrénées è rappresentata dalla BigMat Camozzi, di cui è titolare Jean-Pierre Camozzi. Zoom sulla filiale di Auch, che ha appena acquisito tre carrelli elevatori a forche elettrici 30BH-9. 

BigMat è un marchio europeo che distribuisce una vasta gamma di materiali da costruzione e che conta 283 punti vendita indipendenti in Francia. BigMat Camozzi dispone di 10 punti vendita nella regione Midi-Pyrénées: 3 nel dipartimento dell'Alta Garonna, 4 nel Gers, 1 nel Tarn-et-Garonne e 2 nel Tarn.

"Abbiamo anche due depositi di calcestruzzo nei comuni di Auch e di Fleurance nel Gers. L'azienda è sorta nel comune di Fleurance, a circa 20 km dall'ubicazione attuale nel comune di Auch"

, spiega Lionel Marconato, Direttore della filiale di Auch ed ex Direttore della filiale di Fleurance (fino al 2017). L'impresa familiare creata nel 1939 da Pierre Camozzi, nonno di Jean-Pierre Camozzi, l'attuale direttore generale, ha un fatturato di 45 milioni di euro e conta 170 collaboratori ripartiti tra tutte le sedi. La nuova sede di Auch, inaugurata nel 2015, ne ha una trentina.


Tre carrelli elevatori a forche elettrici Hyundai Material Handling 30BH-9

Opere strutturali, piastrellatura, piccoli attrezzi, falegnameria, coibentazione, piscine, cucine: l'offerta di BigMat Camozzi per i suoi clienti è enorme. E per movimentare, caricare, scaricare, e stoccare i materiali che arrivano in gran parte al disopra di bancali, utilizza carrelli elevatori a forche. In tutto il gruppo vengono utilizzati 40 carrelli elevatori a forche, di cui 8 con marchio Hyundai Material Handling presso la filiale di Auch.

Attento all'ambiente e al benessere dei suoi collaboratori, Jean-Pierre Camozzi ha deciso di sostituire i suoi carrelli elevatori a forche con modelli elettrici. Pertanto, BigMat Camozzi si è rivolta alla concessionaria Delagnes Manutention, sua fornitrice a lungo termine, per acquistare 3 carrelli elevatori a forche elettrici Hyundai Material Handling, modello 30BH-9.

"Lavoriamo con la BigMat Camozzi da quasi dieci anni"

, dice Marcel Leite, co-direttore della Delagnes Manutention e concessionario per Hyundai Material Handling.


L'elettrico per il benessere degli operatori

Oggi, e già da diversi anni, BigMat Camozzi si sforza per migliorare le condizioni di lavoro.

"Teniamo a cuore il benessere degli operatori. Offrire carrelli elevatori a forche elettrici significa mettere a loro disposizione strumenti che generino meno polvere, molto più silenziosi e con un comfort maggiore, dato che gli operatori passano giornate intere sui carrelli"

, spiega Sandrine Dumas, Responsabile della comunicazione.

"Allo stesso tempo, con i carrelli elevatori a forche elettrici si deve eseguire meno manutenzione e si risparmia sul carburante", ha poi aggiunto Sandrine Dumas.
Per il lavoro sul sito di Auch, l'azienda aveva bisogno di carrelli elevatori a forche robusti, adatti agli intensi turni di lavoro giornalieri, con capacità di carico elevata, manovrabilità semplificata e grande flessibilità. Il modello 30BH-9 è l'ideale.

Il carrello elevatore a forche elettrico Hyundai Material Handling 30BH-9 ha un peso in ordine di marcia di 5 ton e una capacità di carico di 3 ton. Assicura elevato comfort all'operatore, grazie alla cabina progettata per offrire più spazio, visuale ampia e gestione agevolata. Anche la posizione dei pedali dell'acceleratore e del freno è stata ottimizzata secondo i parametri dell'ergonomia. Una disposizione dei componenti ideale, che assicura accesso agevolato e manutenzione semplificata.
Ogni persona alla BigMat Camozzi è soddisfatta dell'efficienza di questi carrelli elevatori a forche, in particolare il Responsabile della flotta Christophe Derrey.

 

"Ho sempre avuto carrelli elevatori a forche diesel, e la differenza con i modelli elettrici è enorme. Comfort, facilità di gestione - il raggio di curvatura è molto più stretto - silenziosità, prestazioni elevate durante tutte le mansioni... Oggi non li cambierei con nessuna macchina al mondo; certamente non tornerei al diesel!"

, ha spiegato.

 

"Prima mi veniva sempre mal di testa a causa di rumore e polvere, ma ora non più", ha aggiunto. "E con l'elettrico non ci sono contraccolpi, il che rappresenta un grande vantaggio quando trascorri 8 ore sul carrello elevatori a forche. Il montante diritto di questi modelli consente di movimentare pallet a 6 m di altezza più facilmente. Anche il comando è semplicissimo da usare, molto intuitivo".

Per quanto concerne la batteria, sebbene possa essere utilizzata per 1.200 cicli, Christophe Derrey preferisce rimetterla sotto carica ogni due giorni, per sollecitarla meno e prolungarne la vita utile. E infine,

"la manutenzione è molto più semplice, soprattutto per l'assenza di liquidi da scaricare".