HCEE festeggia i suoi 25 anni in Europa

hyundai construction equipment festeggia i suoi 25 anni

Tessenderlo, Belgio, 7 febbraio 2020 - HCEE (Hyundai Construction Equipment Europe) festeggia i suoi 25 anni in Europa. Dopo il debutto europeo nella città di Geel (provincia di Anversa, Belgio) nel 1995, oggi l'azienda è insediata in un nuovo quartier generale europeo all'avanguardia nella città di Tessenderlo (provincia di Limburg, Belgio).

 

La trasformazione in business unit indipendente nel 2017, la definizione degli ambiziosi obiettivi per il 2023, e il recente conferimento del Premio Innovazione SaMoTer al nuovo caricatore gommato sono tre indicatori inequivocabili del continuo avanzamento di Hyundai Construction Equipment.

 

Ad ogni modo, la crescita di HCEE è stata graduale e l'azienda ha vissuto un periodo iniziale abbastanza modesto.

Storia

La storia di Hyundai risale al lontano 1947, quando Mr. Ju Yung Chung fondò in Corea una piccola azienda di costruzioni. Saggezza creativa, Pensiero positivo e Determinazione incrollabile (i valori aziendali) spinsero Hyundai a espandersi rapidamente in nuovi settori produttivi e a trasformarsi in un'azienda mondiale.

 

Hyundai Heavy Industries venne fondata nel 1972 come società di costruzioni navali. Negli anni seguenti si aggiunsero altre divisioni, come Offshore, Marine Engine, Industrial Plant, Electro Electric Division e Green Energy. La divisione Construction Equipment fu fondata a metà degli anni '80. Inizialmente, la produzione era limitata a pochi modelli di escavatori e caricatori gommati.

 

Alla fine degli anni '90, Hyundai iniziò a sviluppare anche carrelli elevatori a forche. A quei tempi, il portafoglio di carrelli elevatori a forche HCEE comprendeva vari modelli con alimentazione GPL, diesel o elettrica, e capacità di sollevamento fra 1 e 25 tonnellate. I più recenti carrelli elevatori a forche vengono prodotti con batterie agli ioni di litio all'avanguardia. Appena dopo la costituzione, la divisione Construction Equipment si è propagata nel mondo, fondando aziende in tutti i continenti – inclusa l'Europa.

 

Pietra miliare del 1995: Insediamento a Geel

La costituzione ufficiale risale al 7 febbraio 1995. HCEE si insediò nella città di Geel negli stabilimenti rinnovati di un'ex azienda di carpenteria metallica, e prese il nome di Hyundai Heavy Industries Europe NV. La ragione sociale è rimasta invariata fino al mese di settembre 2017, quando è stata cambiata in Hyundai Construction Equipment Europe NV. Il cambio del nome è coinciso con il trasferimento da Geel agli stabilimenti costruiti ex novo su un'area di 81.000 m² nella città di Tessenderlo.

"L'Europa è da sempre un mercato chiave per Hyundai Construction Equipment, con utenti finali esigenti e concessionari professionali. L'Europa è il caposaldo". 
Sig. Sungwoo Lee, Amministratore Delegato di HCEE

Il 12 dicembre 1995 è certamente una seconda data chiave; infatti in quel giorno è nata la linea di assemblaggio in Belgio. Quattro anni dopo, la linea di assemblaggio delle macchine venne ridotta, e l'azienda venne trasformata in Centro di distribuzione europeo, sulla base della conformazione che ha tutt'ora. Oggi le macchine arrivano direttamente da Ulsan al porto di Anversa (Verrebroek) su navi Ro-Ro e portacontainer per il successivo stoccaggio in un'area di 33.000 m².

 

Pietra miliare del 2017: La Direzione generale europea viene trasferita a Tessenderlo

Dopo 20 anni di successo in Europa, la sede aziendale era diventata troppo piccola. Con il trasferimento ai nuovi stabilimenti di Tessenderlo nell'ottobre del 2017, HCEE è stata in grado di raddoppiare la sua capacità di fornire parti per macchinari. Inoltre, ha intensificato la formazione commerciale e tecnica per la rete dei distributori, ed ha potuto offrire accoglienza ai clienti di prim'ordine.

 

Il quartier generale si trova lungo l'autostrada E313 in una posizione con accessibilità ottimale. Comprende un edificio di tre piani adibito a uffici, su un'area complessiva di 5.400 m², un magazzino di 12.000 m², un centro di formazione europeo denominato Hyundai Academy di 2.600 m², una sala espositiva di 430 m², e una sala eventi di 450 m². Questo trasferimento segna un'altra pietra miliare lungo la via verso l'obiettivo comune di arrivare ai primi posti della classifica dei leader sul mercato globale delle macchine da costruzione per il 2023.

"Il Belgio ha una posizione strategica con un importante porto marittimo e una popolazione lavorativa multilingue. La collaborazione con le autorità locali e provinciali è ottima, e noi possiamo fare affidamento su un ambiente commerciale professionale con fornitori di alta qualità". 
Sig. Sungwoo Lee, Amministratore Delegato di HCEE

Pietra miliare del 2020: 25 anni in Europa coronati da un premio internazionale

Nel mese di gennaio 2020, HCCE conquista il Premio Innovazione SaMoTer con il nuovo HL960A nella categoria dei 'Caricatori gommati medi'. Il vincitore HL960A occuperà il centro della scena nello stand Hyundai in occasione dell'evento SaMoTer 2020 (Italia) di marzo. La conquista di questo premio internazionale ambito da tutti con l'HL960A non è stata una sorpresa. Questa macchina allo stato dell'arte è strapiena di funzioni e sistemi sofisticati. La macchina vanta molte innovazioni tecnologiche di punta e assicura, fra l'altro, efficienza nei consumi di carburante, sicurezza di livello superiore, tempo di operatività prolungato, gestione della flotta migliorata. Questo riconoscimento da una giuria internazionale di esperti e giornalisti del settore è un altro passo avanti nell'ambizioso progetto di costruire macchine di alta qualità, ad alte prestazioni e a comfort elevato.

 

Il Sig. Sungwoo Lee, Amministratore Delegato di HCEE, commentando la gloriosa storia di Hyundai e il luminoso futuro dell'azienda, ha dichiarato: "Il 2020 di Hyundai Construction Equipment è un grande anno celebrativo. È il venticinquesimo anniversario dalla fondazione di HCE in Europa. L'Europa è da sempre un mercato chiave per Hyundai Construction Equipment, con utenti finali esigenti e concessionari professionali. L'Europa è il caposaldo. Se puoi vendere in Europa puoi vendere ovunque – e il Belgio è un luogo eccellente per farlo. Il Paese ha una posizione strategica con un importante porto marittimo e una popolazione lavorativa multilingue. La collaborazione con le autorità locali e provinciali è ottima, e noi possiamo fare affidamento su un ambiente commerciale professionale con fornitori di alta qualità. Per me questo è solo l'inizio del nostro cammino verso un futuro ricco di successi."